Incentivi per la ristrutturazione

Incentivi per la ristrutturazione

Incentivi ristrutturazioneSe state pensando di ristrutturare la casa, è importante informarsi su come usufruire degli incentivi fiscali per la ristrutturazione. In accordo con quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2016 (Decreto Legislativo n°63 del 6 giugno 2013 e Decreto Legge n°90 del 4 agosto 2013), prorogata fino a dicembre 2017, quando si effettuano determinate opere di ristrutturazione al proprio immobile si ha diritto ad una detrazione relativa alla spesa sostenuta. Questi incentivi possono essere richiesti attraverso la dichiarazione dei redditi, tramite la compilazione di un'apposito modulo di domanda. Ma vediamo in quali tipologie di lavori per ristrutturare casa online permettono di usufruire dei bonus statali.

Ristrutturare casa online: cosa prevede la Legge di Stabilità 2016?

Le detrazioni previste dalla Legge di Stabilità 2016 non sono applicabili a tutte le opere di ristrutturazione. I bonus infatti sono richiedibili solo qualora si rispettino alcuni requisiti. La Legge di Stabilità prevede infatti detrazioni fiscali per:

- Le opere di riqualificazione energetica degli immobili (detrazione fiscale del 65%);

- Le opere di messa in sicurezza degli immobili situati in zone sottoposte ad un alto rischio sismico (detrazione fiscale del 65%) realizzati in data successiva al 4 agosto del 2013;

- Acquisto di grandi elettrodomestici con classe energetica A+ (detrazione fiscale del 50% sul totale della spesa sostenuta con limite massimo di 10.000 euro). Questi bonus sono disponibili solo per quanto riguarda l'arredo di appartamenti in sede di ristrutturazione.

- Aliquota IVA ridotta 10% per le spese di ristrutturazione.

Ristrutturare casa online: quali sono gli interventi detraibili?

La Legge di Stabilità 2016 copre solo alcune tipologie di interventi finalizzati alla ristrutturazione di un immobile, tra cui gli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, riqualificazione energetica e messa in sicurezza. Ma quali sono quindi gli interventi detraibili?

- Manutenzione Ordinaria

I bonus per la ristrutturazione di immobili prevede la detrazione parziale delle spese relative ad interventi di ordinaria manutenzione solo nelle parti comuni degli edifici (parti condominiali). Tra questi interventi, rientra la tinteggiatura interna ed esterna delle pareti e la sostituzione di pavimenti (sia parziale che completa).

- Manutenzione Straordinaria

In questa categoria rientrano i lavori di ristrutturazione finalizzati a rinnovare o sostituire parti dell'immobile, anche strutturali. Rientrano quindi tra gli interventi di manutenzione straordinaria:

- la ristrutturazione dei servizi igienici già esistenti o la realizzazione di nuovi impianti;
- la realizzazione di ascensori oppure di scale di emergenza
- la sostituzione di infissi
- la demolizione e la realizzazione di pareti
- la sostituzione o la realizzazione della pavimentazione esterna
- l'installazione o la sostituzione di recinzioni o cancellate
- la sostituzione dei solai
- la sostituzione della caldaia
- la messa a norma di legge oppure la sostituzione degli impianti elettrico ed idraulico.

- Riqualificazione energetica

Sono detraibili anche gli interventi di riqualificazione energetica degli immobili. Gli interventi di questo tipo che rientrano nella lista dei lavori incentivabili sono le opere di ristrutturazione relative all'ottimizzazione energetica dell'involucro dell'immobile (sostituzione pavimenti, infissi, ecc.) e la sostituzione di impianti di riscaldamento e di climatizzazione.
Rientrano in questa categoria anche la realizzazione di impianti per il riscaldamento dell'acqua sanitaria con pannelli solari. In questo caso, però, bisognerà tenere a mente che la Legge di Stabilità prevede incentivi solo per impianti solari termodinamici finalizzati alla produzione di energia termica e non elettrica. Qualora, quindi, si installi un impianto misto, le spese che potranno essere detratte sono solo quelle relative all'energia termica.

- Messa in Sicurezza

Quando si parla di ristrutturare casa online, è necessario ricordare che, tra le spese detraibili, sono comprese anche le opere di messa in sicurezza degli immobili. Sono soggetti ad incentivi, quindi, anche gli interventi di ripristino degli edifici danneggiati a seguito di eventi calamitosi. Sono detraibili inoltre anche le spese relative all'abbattimento delle barriere architettoniche di un immobile per consentire una migliore mobilità ai soggetti portatori di handicap e agli anziani (legge 104/92). Rientrano quindi negli incentivi, anche le spese per l'acquisto e l'installazione di montascale ed altre tipologie di attrezzature similari. Infine, sono detraibili le spese di ristrutturazione volte alla messa in sicurezza di un edificio rispetto al rischio di infortuni domestici. In questa categoria, rientrano lavori come la messa in sicurezza dell'impianto del gas oppure elettrico.

- Acquisto di grandi elettrodomestici

Qualora si acquistino grandi elettrodomestici di classe energetica A+ per l'arredo di un immobile in fase di ristrutturazione, si potrà usufruire di una detrazione fiscale fino al 50% per una spesa massima di 10.000 euro.

- Prestazioni professionali

Sono detraibili anche le spese relative alle prestazioni professionali finalizzate alla ristrutturazione di un immobile.

I commenti sono chiusi